giovedì 29 gennaio 2015

Unione di insiemi e addizione - classe prima




Sulla cattedra Beatrice mette 6 caramelle e Nicolas 3 cioccolatini. Chiediamo: quante caramelle ha messo Beatrice? E quanti cioccolatini ha messo Nicolas? Mettiamo un cartellino sui due insiemi con le cifre 6 e 3. Chiediamo quanti sono in tutto i dolciumi; facciamo notare che per rispondere hanno dovuto contare insieme i due tipi di dolciumi. I bambini simuleranno l’operazione a livello manipolativo sul proprio banco, utilizzando i regoli.
Chiediamo che cosa succede se si contano prima i cioccolatini e poi le caramelle.
Rappresentiamo sul quaderno e ci accorgiamo di un problema: come facciamo a riunire i dolciumi? Questa volta si tratta di disegni, non possiamo spostare gli elementi. Lasciamo che gli alunni facciano le loro proposte, ci sarà senz'altro qualcuno che propone di disegnare tutti gli elementi in un solo insieme.
Eseguiamo e rappresentiamo alla lavagna e sul quaderno:
L'insieme che abbiamo ottenuto possiamo chiamarlo insieme unione.
Scriviamo cosa abbiamo fatto con i segni della matematica:


L'operazione che abbiamo compiuto si chiama addizione.

Scriviamo: l’addizione usa il segno + che si legge più

Rappresentiamo altre situazioni


3 mele verdi e 2 mele rosse. Quante mele?

4 rose e 3 girasoli. Quanti fiori?

 
Proponiamo ora qualche esercizio da svolgere prima collettivamente e poi individualmente. Ad esempio:
QUANTI IN TUTTO?
Viceversa, facciamo rappresentare con gli insiemi e scrivere il risultato:
1 gatto e 2 uccellini. Quanti animali?
2 maglie e 2 berretti. Quanti indumenti? 
------------------------------------------------------------------------------------------
CONTIAMO CON LE MATITE 
 
Partiamo da una situazione di problem solving:
"Beatrice ha fatto 3 giorni di assenza a dicembre e 4 giorni di assenza a gennaio. Quanti giorni di assenza ha fatto Beatrice?"
Facciamo rappresentare la situazione sul banco usando i pastelli: formiamo un insieme con 3 pastelli, poi un altro insieme con 4 pastelli, quindi uniamo i due insiemi e contiamo tutti gli elementi.
I bambini capiranno che possono usare diversi materiali per calcolare il risultato di un'addizione. Proviamo a calcolare il risultato di queste addizioni contando con le matite:
5 + 3
6 + 0 
0 + 4
3 + 6
3 + 2 + 4

------------------------------------------------------------------------------------------
CONTIAMO CON I REGOLI
" In palestra abbiamo fatto 4 giri camminando e 5 giri correndo. Quanti giri in tutto?"
Rappresentiamo sul banco usando il regolo del 4 e unendo il regolo del 5. Qual è il regolo lungo come i due che abbiamo messo? Certo, è il regolo del 9. Quindi possiamo scrivere che 4 + 5 = 9
Eseguiamo alcune addizioni rappresentandole concretamente sul banco con i regoli.
Proviamo ora ad effettuare alcuni calcoli, rappresentando i regoli col disegno.
 

venerdì 23 gennaio 2015

Localizzazioni sullo spazio grafico - classe prima

Dividiamo la lavagna in quattro riquadri e chiediamo di disegnare un fiore in alto.












I bambini non avranno difficoltà ad individuare l’alto, ma chiederanno se devono metterlo da una parte o dall’altra. Per distinguere usiamo i riferimenti destra e sinistra e diciamo di disegnare un fiore in alto a sinistra e un bambino in alto a destra.











Ora proponiamo di disegnare un fungo in basso e anche questa volta sarà necessario distinguere la destra e la sinistra.









Chiediamo ora di disegnare il fungo in basso a destra ed una bambina in basso a sinistra.
Verbalizziamo la posizione di ogni cosa disegnata e riportiamo sul quaderno.


Proponiamo una nuova suddivisione con oggetti già disegnati e facciamo verbalizzare la posizione di ognuno.
Le difficoltà aumentano se aumenta la suddivisione dello spazio, ad esempio in 9 parti.

Eseguiamo alla lavagna e sul quaderno, proponendo di disegnare varie cose nelle diverse posizioni possibili.
































Un test/gioco on line per i tuoi alunni

Una verifica scritta da stampare

Vedi U. A. di riferimento

venerdì 16 gennaio 2015

Percorsi e labirinti - classe prima

Iniziamo l'attività in forma ludica: ad esempio, in palestra, possiamo formare trenini di 5 - 6 alunni e poi dare indicazioni di muoversi avanti, indietro, verso destra, verso sinistra.
Realizziamo un percorso utilizzando il materiale a disposizione (clavette, cerchi, ostacoli, ecc), facciamolo eseguire da alcuni alunni, curando particolarmente la verbalizzazione delle azioni compiute: vado diritto, giro a destra, passo sopra all'ostacolo, giro a sinistra, passo dentro la galleria, torno indietro....
E' importante far comprendere agli alunni la differenza tra direzione e verso. Vediamo ad esempio la seguente situazione, che potremmo benissimo rappresentare in palestra. In entrambi i casi Cappuccetto Rosso si muove nella stessa direzione, ma con versi differenti: nel primo caso Cappuccetto si muove verso la casa della nonna; nel secondo caso la direzione è rimasta la stessa ma Cappuccetto Rosso si muove verso il bosco, allontanandosi dalla casa della nonna.

Facciamo percorrere il perimetro della palestra  a due bambini che vanno prima nello stesso verso e poi in versi opposti: osserviamo e verbalizziamo, rappresentando successivamente sul quaderno.
Effettuiamo anche percorsi fornendo agli alunni una serie di comandi che dovranno indicare la quantità dello spostamento (numero di passi) e il verso (verso destra, sinistra…).
Gli stessi percorsi potranno anche essere rappresentati sul quaderno: l'insegnante spiega il percorso e gli alunni eseguono. Vediamo ad esempio il primo percorso sotto illustrato: scendi di due quadretti, spostati verso destra di tre, scendi ancora di due, spostati verso sinistra di 5, sali di tre. Il secondo percorso: sali di un quadretto, spostati di 5 verso destra, scendi di 4, spostati verso sinistra di 5, sali di tre.
 Possiamo proporre una scheda come la seguente : fai clic per stamparla.

https://dl.dropboxusercontent.com/u/47355280/schede%20da%20stampare/bea.pdf