venerdì 11 novembre 2016

Rette, semirette, segmenti - classe terza


Matematica per gli insegnanti

Rivediamo alcune proprietà degli enti fondamentali.
Per un punto A passano infinite rette.



Per due punti distinti A e B passa una sola retta.



Per tre punti distinti passa una sola retta, solo se i tre punti sono allineati.



Per una retta passano infiniti piani


Per tre punti non allineati passa un solo piano.



Nella realtà concreta la semiretta non esiste, è un’astrazione geometrica.
Prendiamo una retta r, stabiliamo su questa un punto O.



Il punto O divide la retta in due parti r1 e r2, ciascuna delle quali ha origine dal punto O e continua all’infinito. Queste due parti sono le semirette. Possiamo quindi dire che un punto su una retta individua due semirette, che possiamo così definire: ciascuna delle due parti in cui una retta rimane divisa da un punto."


Notiamo che, individuando 2 punti sulla retta, questa resta divisa in 3 parti, le semirette r1 e rche già conosciamo e la parte di retta compresa tra i punti A e B. Questa parte di retta si chiama segmento e si indica

Possiamo quindi definire il segmento: “è una parte di retta delimitata da 2 punti.”

Matematica per gli alunni


COMPETENZE
ABILITA’
UNITA’ DI APPRENDIMENTO
Percepisce e rappresenta forme, relazioni e strutture che si trovano in natura o che sono state create dall’uomo, utilizzando semplici strumenti per il disegno geometrico.
Descrive e classifica figure in base a specifiche caratteristiche geometriche
Utilizza strumenti per il disegno geometrico (riga, compasso, squadra)
-  Al termine della classe terza l'alunno dovrà:

costruire mediante modelli, disegnare, denominare e descrivere le linee; riconoscere rette, semirette, segmenti; usare il righello.


PERCORSO DIDATTICO

Sempre più vicini alla Terra, Br1 dice a Bass8: "Vedi quel punto nello spazio, il punto X? Prova a passare per quel punto alcune volte!"

Bass8 prova e poi risponde: “ma posso passarci in tantissimi modi!”. Infatti è vero, per un punto passano infinite rette.


Br1 poi dice a Bass8: "Vedi che ora c'è anche il punto Y. Prova a passare in linea retta sia dal punto X che dal punto Y. Quante rette riesci a fare?"
Bass8 esegue e quindi dice: “Posso passarci in un solo modo”. Anche stavolta è vero, per due punti passa una sola retta.


Proviamo a disegnare un punto ed a far passare per esso alcune rette e poi disegniamo due punti e proviamo anche stavolta ad unirli. Quante linee rette riusciamo a fare?


Ormai Br1 e Bass8 stanno per arrivare. Br1 dice all'amico: "Sarà meglio che ti spieghi come funzionano le linee sulla Terra, prima di arrivare!"
Le rette non hanno né origine né fine e si denominano con lettere minuscole.
Un punto divide una retta in due semirette. Le semirette hanno un’origine ma non hanno una fine.


Due punti dividono una retta in un segmento e due semirette. I segmenti hanno un punto di origine ed un punto di fine.


Ecco una scheda da stampare. Fai clic qui.

Un link per un'animazione di Ufotto Leprotto su questo argomento: fai clic!





11 commenti:

  1. Ciao maestro, mi è piaciuto questo lavoro.
    Andre Bocchi

    RispondiElimina
  2. Ciao Andrea! Ho notato in classe che hai seguito con molto interesse. Bravo e continua così. Buon week end!

    RispondiElimina
  3. Ciao! Ho dato un'occhiata a questo blog e mi è piaciuto. Hai un indirizzo e-mail?

    Angela

    RispondiElimina
  4. Ciao maestro. Questo lavoro sulle rette, semirette e segmenti mi è piaciuto molto. Ciao
    Alice.

    RispondiElimina
  5. Ciao maestro.Mi è piaciuto il lavoro della terza.
    Simone

    RispondiElimina
  6. Maestro, grazie da parte mia e di mio figlio. Buon lavoro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono io che ringrazio tutti coloro che possono trarre utilità dal mio blog.

      Elimina
  7. Roberta Tagliati12 ottobre 2014 18:28

    Bellissimo lavoro , ho pensato di costruire una piccola navicella di Br1 e Bass8 con attaccata una corda ad ogni alunno , cosicché sembra loro di tracciare davvero le traiettorie nello spazio fatte dai due compagni di viaggio , inoltre facciamo il gioco in cui io dico "linea curva , linea spezzata chiusa ..." e loro sul banco devono farla con la propria navicella , pena eliminazione !!!! Questa metafora li coinvolge e li invoglia ad apprendere , complimenti caro Giampaolo e grazie per tutto il materiale !!!! Roberta Tagliati

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie anche a te, Roberta. Lo spirito con cui leggere ed intervenire in questo blog è proprio questo: prendere spunto da attività, modificarle, arricchirle e condividerle con gli altri. Bella idea la tua, te la ruberò.

      Elimina