giovedì 13 settembre 2012

La storia di Oca Roca - classe quarta


AVVISO AI LETTORI

Premetto che uno dei miei obiettivi principali nell’insegnamento della matematica è quello di avvicinare i bambini a questa straordinaria disciplina in modo positivo e motivante. Proprio per favorire ciò le attività matematiche svolte in classe sono state spesso accompagnate da personaggi di mia invenzione (come Supernumero, Br1 e Bass8) che si sono dimostrati capaci di creare un coinvolgimento emotivo e di aumentare notevolmente l’interesse degli alunni verso la matematica.
Naturalmente questa scelta non deve costituire un freno od un ostacolo per chi non intendesse condividerla: i lettori ed i fruitori di questo blog potranno scegliere se seguire lo stesso percorso che progressivamente verrà descritto oppure prescindere dalla parte narrativa ed utilizzare la parte più propriamente matematica.

Anche nel corso di questo anno scolastico ci sarà un personaggio che accompagnerà il nostro percorso nella classe quarta o, per meglio dire, ci sarà il nostro viaggio nel mondo dei numeri parallelamente allo straordinario viaggio di Oca Roca.
Chi è Oca Roca? Si tratta di un’oca non più giovane che tanto ha starnazzato nella sua vita da non avere quasi più voce: ecco il perché del suo nome. Anche se un po’ roca, la nostra Oca è però coraggiosa e generosa, come dimostrerà quest’anno. Eh, sì, cari bambini, dovete sapere che c’è una straordinaria missione che aspetta Oca Roca.
Oca Roca in questo periodo si trova nel Nord del nostro pianeta e, a causa del suo coraggio e della sua generosità, è proprio a lei che Aquila Stanca ha affidato una pericolosa missione, per assolvere la quale Oca Roca dovrà compiere un lunghissimo viaggio da Nord verso Sud.
Avete capito bene, proprio la nostra piccola Oca Roca avrà questo compito importante. Qual è la missione affidata da Aquila Stanca ad Oca Roca? Dovrà cercare di salvare una colonia di palmipedi (oche, anatre, cigni) che si trova su un’isola del Sud e che, ignara, è minacciata da un duplice pericolo: l’intervento della Banda dei Senza Pietà che vuole catturarli e l’arrivo della Marea Nera che sta risalendo il mare.
Se Oca Roca riuscirà ad arrivare in tempo potrà salvare la colonia, in caso contrario i palmipedi saranno presi in trappola tra terra e mare.
Il viaggio di Oca Roca sarà molto lungo e pericoloso perché il suo nemico Falco Zero, molto potente signore del cielo, cercherà in tutti i modi di impedire la missione.
Non è tutto però; contemporaneamente, svolgendo la sua missione Oca Roca potrà aiutare anche i bambini di quarta che vanno a scuola.
“Ma come potrò aiutarli volando e nuotando? ” rispose Oca Roca ad Aquila Stanca.
“ Li aiuterai perché loro aiuteranno te, saranno loro, i bambini di quarta, a darti l’energia necessaria per la tua missione e lo faranno con la loro abilità matematica”

Questa è la mappa del percorso che dovrà effettuare Oca Roca.

All’inizio di ogni fase del suo percorso Oca Roca ci dirà quali sono i nostri obiettivi di apprendimento e, mentre Oca Roca si dedicherà alla sua missione, noi continueremo il nostro viaggio nel mondo dei numeri.
Al termine di ogni fase Oca Roca si fermerà a riposare e ci racconterà le avventure del suo viaggio ed anche noi ci fermeremo per capire cosa abbiamo imparato. Prima della ripartenza di Oca Roca noi effettueremo una prova di abilità matematica (la nostra missione) e se la svolgeremo in modo adeguato potremo ricaricare di energia e dare nuova forza ad Oca Roca e diminuire la potenza di Falco Zero.

Facciamo disegnare agli alunni la protagonista della nostra storia, Oca Roca e facciamo scegliere a loro il disegno che reputano migliore: il disegno scelto sarà l’immagine condivisa di Oca Roca.
Ecco il disegno scelto dagli alunni della mia classe.
 

28 commenti:

  1. Complimenti.....è veramente un bellissimo spunto da dove cominciare, originale e soprattutto divertente, che è ciò che interessa ai bambini.
    Paola

    RispondiElimina
  2. Grande! Condivido..Da seguire in ogni passo! Grazie mille
    Luciana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero di non deludervi! Ciao e buon anno scolastico!

      Elimina
  3. Su suggerimento di una collega sono approdata sul tuo blog, mi servirà molto ...per la prima volta insegno matematica; volevo chiederti- dato che mi è stata assegnata anche motoria- se mi puoi consigliare dei giochi "matematici" semplici ( perchè lavorerò con una classe seconda) da fare in palestra.
    grazie

    Dalia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è né semplice né breve rispondere a ciò che mi chiedi. Io ti consiglio di vedere tutti i post pubblicati nel blog per la classe seconda: troverai degli spunti di attività da svolgere in palestra. Tii consiglio anche alcuni links dove potresti trovare utili indicazoni:
      http://lameladiodessa.wordpress.com/category/giochi-motori/
      http://www.matefitness.it/index.php/ClassiOfferte/visualizza/attivita-psicomotorie-34
      http://www.matefitness.it/index.php/percorsi-tra-i-contenuti-per-la-scuola-primaria
      http://www.lamatematta.com/spiegazione/index.html

      Elimina
  4. Caro Maestro Giampaolo,
    finalmente trovo il tempo per visitare il tuo blog e con piacere trovo altri splendidi personaggi che compiranno la loro missione.
    Io purtroppo non conosco ancora la mia missione, l'anno scorso se ricordi ho condiviso con voi parte del vostro percorso didattico di terza, quest'anno... boh chi lo sà se avrò una missione, ancora tutto tace...
    Si prepara per me un anno difficile fatto di concorsi... e di tanta precarietà. Tanti tanti auguri a te e ai tuoi fortunati alunni, vi auguro buon lavoro !!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non posso che farti coraggio ed augurarti il meglio, quindi ...il lavoro.
      Ho fatto anch'io tanta gavetta in soprannumero i primi anni, ma ora i tempi sono decisamente peggiori. Lo vedo sulla pelle di mia figlia! Quindi auguri .... auguri .... auguri!

      Elimina
  5. Elisa Belgrano7 novembre 2012 21:42

    Ciao maestro!
    Questo disegno di Oca Roca é fantastico!!!! <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, Elisa! Ti piace il disegno di Oca Roca? Allora fai i complimenti a Denise, perchè è il suo disegno che avete scelto. Ciao e a domani!

      Elimina
  6. Ciao maestro sono io andrea gu.. mi sono letto il discorso di Roca Oca ben tre volte e sono diventato pazzo. Mia madre mi a detto che devo smetterla perché se no a scuola la sai tutta e poi al maestro ce la racconti tutta. Va be ci vediamo domani ciao !!

    RispondiElimina
  7. Ho riletto l'inizio della storia di Oca Roca: non la ricordavo nei minimi particolari!
    Un' alunna della IV B




    Sara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, Sara! Mi fa piacere che tu abbia sentito il desiderio di ripartire dall'inizio con la nostra storia. Io ne approfitto per rivolgere i miei auguri di buona Pasqua a te ed alla tua famiglia.

      Elimina
    2. Grazie, maestro!
      Da Sara

      Elimina
  8. Ho seguito con interesse il lavoro della classe terza e mi è stato molto utile. Il lavoro sui numeri decimali ha entusiasmato molto i miei alunni e vorrei ringraziarti per l'aiuto che ci dai con il tuo lavoro.
    Giulia

    RispondiElimina
  9. Buongiorno, ho trovato molto interessante l' idea che siano i bambini a dare "energia e forza" alla protagonista della storia...uno stimolo che renderà più coinvolgente le lezioni e aumenterà l' impegno di ciascuno per ottenere un buon risultato di classe .
    Le segnalo anche il mio sito che è solo all' inizio....ho pubblicato alcune attività di matematica di classe prima che ho svolto in classe e mi piacerebbe farle conoscere....
    http://maestrasimo.jimdo.com
    Simona

    RispondiElimina
  10. la sua idea è meravigliosa, soprattutto per una maestra come me che è " unica".. nella sua didattica ci vedo tanta trasversalità che posso utilizzare: scienze, geografia, italiano, storia, arte... e il mondo degli animali. grazie mille la seguirò con molto interesse.
    Grazia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La ringrazio molto per le sue parole.

      Elimina
    2. si figuri, è lei da ringraziare per l'impegno e soprattutto per la generostà di condividere.
      grazia

      Elimina
  11. Grazie per il tuo prezioso lavoro, mi aiuta moltissimo!
    Ho cercato delle prove di ingresso, ma non sono riuscita a trovarle. Ci sono?
    Grazie
    Anna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anna. No, hai ragione, non ci sono prove di ingresso per la quarta perché come classi parallele avevamo preso la decisione di non farle. Mi spiace e spero che tu possa, in corso di anno scolastico, trovare altro materiale utile. Buon anno scolastico!

      Elimina
  12. Ciao maestro Giampaolo! Ho letto la storia di Oca Roca e osservato la mappa. Credo di aver capito che Oca Roca debba raggiungere l'isola dei piedi palmati a sud, ma nella mappa si trova a est, o sbaglio? La mappa è stata disegnata dagli alunni? Complimenti per la storia, è il secondo anno che ti seguo nella didattica della matematica e l'anno scorso Br1 e Bass8 sono diventati compagni degli alunni. Buon anno scolastico!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, la mappa è stata disegnata da un gruppo di alunni, che non avendo più spazio grafico, hanno deviato verso est. Ti consiglio di farla realizzare, se lo vuoi, agli alunni al termine del percorso e non all'inizio.

      Elimina
  13. Caro maestro Giampaolo ,mi permetto il caro perchè la vorrei ringraziare per la disponibilità a condividere con noi il suo prezioso lavoro ,la seguo da alcuni anni e posso quindi affermare che è un metodo simpatico e giocoso di insegnare la matematica.I miei alunni si divertono tanto con le sue storie....lE auguro un buon inizio !!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio per il tuo giudizio Non inizio più nulla perché da quest'anno sono in pensione spero però di riuscire a continuare ad aggiornare il mio blog.Buon anno scolastico a te, dunque!

      Elimina